News
Le notizie, i convegni, i seminari, le mostre, gli incontri. Un importante valore aggiunto alla formazione accademica.
Item categoryCultura
November 29, 2019

Il ‘68 e l’istruzione

Il 2 dicembre, alle ore 14.30, in Aula Seminari si terrà la presentazione del libro “Il ‘68 e l’istruzione. Prodromi e ricadute dei movimenti degli studenti” a cura di Luciano Benadusi, Vittorio Campione e Roberto Moscati (Guerini e associati).

Il cinquantenario del ’68 ha acceso un ampio dibattito che ha impegnato protagonisti e studiosi dai punti di vista diversi. Del movimento degli studenti, si è parlato soprattutto rispetto agli ideali di cui si è fatto portatore, agli effetti sulla cultura, la politica e i comportamenti sociali. L’approccio generalista ha però talvolta messo in ombra il tema dell’università, per non parlare di quello della scuola, rimasto periferico fin dal suo insorgere.

In questo volume l’obiettivo degli autori è proprio quello di colmare il limite nel dibattito intercorso, mettendo al centro lo stesso sistema di istruzione spiegando cosa ha significato per esso il ’68 e quali effetti vi ha dispiegato attraverso un approccio in certo senso «continuistico» tra il prima, il durante e il dopo. Il ’68, almeno per quanto attiene al campo dell’istruzione, è stato sì un momento di rottura con il passato ma ha avuto le sue pre-condizioni e i suoi prodromi nel periodo precedente, e molte ricadute sul periodo successivo.

Intervengono:

Luigi Berlinguer, ex-ministro della Pubblica Istruzione e dell’Università Alessandro Cavalli, professore emerito dell’Università di Pavia Giovanni Cominelli, esperto di politiche scolastiche

Fiorella Farinelli, esperta di problemi scolastici e formativi

Monica Galfré, docente di storia contemporanea, Università di Firenze

Conclude

Luciano Benadusi, direttore di ‘‘Scuola Democratica’’


Scarica qui a locandina


Condividi:Share facebookShare twitterShare Linkedin