Gender Cultures. Convegno multidisciplinare sulle culture di genere

Università - Data pubblicazione 05 luglio 2024 - Data evento 23 ottobre 2024

Un convegno per esplorare la diversità e l'inclusione e per riconoscere l'importanza di accogliere e valorizzare le molteplici espressioni e declinazioni del concetto di gender nella società, nella cultura, nei media.

23 Ottobre dalle 14.00 alle 18:30 - Emerging Scholars Session in Gender Cultures
24 Ottobre dalle 9.00 alle 19.00
Sala dei 146 IULM6

Progetto Speciale di Ateneo “Digital Gender Hub”

Il convegno "Gender Cultures", che si terrà il 23 e il 24 ottobre in Sala dei 146, si propone di offrire un'importante piattaforma di riflessione e confronto sul “genere”, quale strumento universale di organizzazione, invisibile ma potente, della vita quotidiana, della famiglia, dell’educazione, del lavoro, dello sport. Un tema imprescindibile che attraversa e struttura l’intera società definendone la forma attuale, ma anche l'evoluzione e la direzione futura.

L’obiettivo è quello di esplorare la diversità e l'inclusione, riconoscendo l'importanza di accogliere e valorizzare le molteplici espressioni e declinazioni del concetto di gender. Attraverso un approccio che non solo arricchisca il tessuto sociale, ma contribuisca anche a sfidare gli stereotipi e i pregiudizi che limitano la piena realizzazione individuale e collettiva.

Questo convegno vuole essere un'opportunità per sensibilizzare sulle questioni di genere, affrontando la discriminazione e la violenza, che sovente le accompagnano, attraverso il dialogo aperto e il confronto costruttivo. È oggi infatti fondamentale comprendere come l'integrazione di prospettive di genere può portare al superamento di norme culturali obsolete e discriminatorie e a una società più libera e autentica.

Si tratta di un'importante occasione per riflettere sul ruolo dei media e della comunicazione nel perpetuare o contrastare le distinzioni di genere e le discriminazioni, evidenziando la necessità di un approccio critico e consapevole nella rappresentazione e nell'interpretazione delle identità di genere nella società contemporanea.

L'approccio interdisciplinare del convegno permette inoltre di esplorare le complesse intersezioni tra genere, classe sociale, etnia e altre dimensioni dell'identità umana, arricchendo così la nostra comprensione del mondo che ci circonda e delle persone che lo abitano. Il convegno sarà un'occasione di incontro e di scambio di idee tra studiose/i provenienti da varie discipline accademiche, tra cui le discipline letterarie, sociologiche, filosofiche ed economiche. Tale diversità di prospettive arricchirà il dibattito e offrirà un panorama delle molteplici sfide e delle opportunità legate agli studi di genere.

Al mattino, durante la sessione plenaria, si alterneranno gli interventi di illustri esperti del campo, tra cui Maura Gancitano, Elisa Giomi, Marco Scarcelli e Marilisa D'Amico. Queste figure di spicco condivideranno le loro prospettive e le loro ricerche, offrendo un quadro esaustivo delle questioni chiave in discussione.

Dalla metà mattina e nel pomeriggio, la conferenza si articolerà in una serie di panel paralleli, dedicati alle differenti discipline. Attraverso questi workshops, studiose/i e ricercatrici/tori avranno l'opportunità di approfondire tematiche specifiche e di confrontarsi su metodologie e approcci di ricerca. Saranno coperti argomenti che spaziano dall'analisi letteraria, ai media studies, dalla filosofia femminista all'economia, dalle arti alla parità dei diritti.

Questa struttura permetterà di immergersi in una varietà di tematiche e di interagire con colleghe/i provenienti da diverse aree di studio. Il convegno "Gender Cultures" si propone quindi di essere non solo un momento di riflessione e approfondimento, ma anche di connessione e di collaborazione tra studiose/i e attiviste/i impegnate/i nell'esplorazione dei molteplici aspetti dei gender studies. Di seguito la locandina e il programma del convegno, e le due call for papers per gli Open Panels con le relative deadlines.

Downloads

Comitato organizzativo:

Iscriviti qui