News
Le notizie, i convegni, i seminari, le mostre, gli incontri. Un importante valore aggiunto alla formazione accademica.
Item categoryRicercaItem categoryPrima Pagina
September 3, 2019

Lo scenario digitale: Call for Papers

“Lo scenario digitale. Il modello europeo dell’innovazione”. Questo il tema della Call for Papers che l’Università IULM lancia ai ricercatori italiani per il convegno omonimo che si svolgerà in Ateneo il prossimo 4 dicembre.

 In un’epoca in cui si è realizzata la definitiva commistione tra il mondo fisico e il mondo digital, la digitalizzazione è divenuta il principio guida d’innumerevoli attività umane nell’ambito sociale, culturale, politico ed economico. In queste circostanze le piattaforme digitali sembrano essersi affermate come uno degli elementi nevralgici di tale transizione penetrando nel cuore delle società trasformando le pratiche sociali e civiche e influenzando i processi democratici. Come sta cambiando lo scenario digitale europeo? Quali possano essere le conseguenze per l’esperienza degli utenti? Quale ruolo svolgono le piattaforme online nell'organizzazione delle società europea?

Le proposte di intervento dovranno essere inviate entro il 14 ottobre agli indirizzi mail: [email protected]; federico.t[email protected]:
La quota di iscrizione è di € 50 per i docenti universitari a tempo indeterminato e di € 30 per i ricercatori a tempo determinato, assegnisti di ricerca, dottori di ricerca e dottorandi. Ogni altra tipologia di partecipanti: € 50.

Gli abstract possono riguardare:

  • Una politica industriale per il digitale
  • L’ideologia californiana e l’”european way”, due modelli a confronto
  • Piattaforme: tecnologia e forma culturale?
  • Delete your account! È possibile resistere al “platform capitalism”?
  • Piattaforme digitali e nuovi modelli di consumo
  • L’esperienza dell’utente tra datificazione, algoritmi e programmabilità
  • Umanesimo digitale vs. postumano, teorie a confronto

Scarica qui la Call for Papers per tutti i dettagli.


Condividi:Share facebookShare twitterShare Linkedin