facebook

Dinamiche del conflitto e sentieri di pace

Responsabile: Prof.ssa Martina Treu

Anno 2019

Il gruppo di ricerca si avvale di una collaborazione interdisciplinare ben collaudata tra collegi, già membri attivi di precedenti progetti  dipartimentali, in particolare coordinati dalla compianta Maria Bettetini (l’ultimo dei quali era dedicato a Islam e distruzione del passato). Per il biennio in corso ci si concentra sul concetto di ‘pace’ nelle sue molteplici accezioni, e per contrasto quello di conflitto, analizzato in prospettiva storico-critica e nella complessa realtà odierna, con dinamiche in continua evoluzione e problematiche già presenti in età antica e moderna.

L’indagine comprende missioni sul campo, organizzazione di convegni e seminari, pubblicazione di atti e contributi singoli e collettivi. Basti citare, tra gli altri, il Colóquio Internacional Memórias e Legados das Lutas de Libertação, Bissau (2018), la conferenza internazionale“ Cacheu, caminho de escravos e porto de culturas” (2018), il Convegno “Oltre la Convenzione. Pensare, studiare e costruire il paesaggio 20 anni dopo” (giugno 2020), il convegno internazionale “Estetiche del trauma”) in collaborazione con l’Università Statale di MILANO (dicembre 2020). Gli atti sono in cds nella rivista Altre Modernità (a c. di Boccali, Treu et.al.) e in volume (a c. di Arbore e Maggioli), in co-edizione con l'Università di Lisbona, mentre sulla base del recente rapporto UE ‘Getting the Future right – Artificial Intelligence and Fundamental Rights’ (dicembre 2020) è in preparazione il n. 2/2021 della rivista internazionale Polemos.

Alcuni membri conducono inoltre ricerche in aree urbane (come la Barona) e in zone turistiche montane dell’Italia e della Lombardia. Sul fronte internazionale si sono svolte missioni in Iran e in Oman. Tra i partner del progetto: il Dipartimento di Storia, Patrimonio culturale, Formazione e Società, Università di Roma Tor Vergata (Italia); Università di Lisbona (Centro de História da Facultade de Letras); Università ISCTE-IUL di Lisbona; Università “Amilcar Cabral” di Bissau; Centro di Studi Sociali “Amilcar Cabral” di Bissau (CESAC).