facebook

La mente allargata

Responsabile: Riccardo Manzotti

Una teoria della coscienza per una nuova antropologia
Anno 2019

L’obiettivo è stato trovare conferme empiriche e concettuali alla identità mente-oggetto. L’obiettivi teorico è stato affrontato dall’autore del progetto in vari volumi nazionali e internazionali (Ich denke, aber wer ist Ich? 2021; Dialogues on Consciousness, 2020; La mente allargata, 2019). Per la parte empirica si è affrontato il problema nell’ambito delle evidenze sperimentali raccolte dalla psicologia della percezione e dall’intelligenza artificiale.

Per quanto riguarda la psicologia della percezione si è messo a punto un esperimento sulle immagini consecutive colorate (Manzotti, R., 2019, Color Afterimages as Filtered Perception of Physical Colors, in Reti, Saperi, Linguaggi, 8/15, pp. 55-78) che ha dimostrato come queste illusioni cromatiche siano una forma di percezione e non creazione di sensazioni cromatiche mentali. Il modello mette in discussione la teoria dei colori opponenti e fornisce una base empirica per un modello realista della percezione dei colori.

Per quanto riguarda l’intelligenza artificiale, ci si è concentrati sulla possibilità di realizzare agenti coscienti e sulle implicazioni ontologiche relative alla natura dell’informazione. Lavorando con altri centri di ricerca si è sviluppato un modello teleologicamente aperto per la coscienza artificiale ( Conscious Machines: A Possibility? If So, How?, in Journal of Artificial Intelligence and Consciousness). In  parallelo si è lavorato sulle implicazioni ontologiche relative alla teoria dell’informazione mettendone in discussion la natura fisica (The Impossibility of Digital Consciousness, in Mind and Matter; Embodied AI beyond Embodied Cognition and Enactivism, in Philosophies).

Il progetto ha visto la collaborazione di diversi centri di ricerca internazionali, tra i quali il Dept. Of Philosophy and Linguistic del MIT di Cambridge (MA), il Dipartimento di Informatica dell’Università di Palermo, e il The University of Strasbourg Institute for Advanced Study (USIAS).