facebook

L’oralità in poesia, in musica, nella performance

Responsabile: Stefano Lombardi Vallauri

Anno 2017

Nel 2019 presso l’Università IULM si è tenuto un convegno sul tema “L’arte orale. Poesia, musica, performance”, comprendente ordinarie sessioni scientifiche nonché sessioni performative artistiche, cui hanno partecipato (nelle sessioni scientifiche) Alessandro Bratus, Dome Bulfaro, Lorenzo Cardilli, Fabio Cifariello Ciardi, Jonathan Culler, Umberto Fiori, Giovanni Fontana, Michela Garda, Stefano Ghidinelli, Paolo Giovannetti, Hyst, Stefano Lombardi Vallauri, Rosaria Lo Russo, Alessandro Mistrorigo, Mario Gerolamo Mossa, Mauro Petruzziello, Enrico Pitozzi, Marida Rizzuti, Nicola Scaldaferri, Enrico Testa, Martina Treu, Lello Voce, Theda Weber-Lucks, Fabian Wolbring, Luca Zuliani, nonché (nelle sessioni performative) Alessandro Burbank, Francesco Casciaro, Fabio Cifariello Ciardi, Matteo Di Genova, Giovanni Fontana, Eugenia Galli, Eugenia Giancaspro, Hyst, Rosaria Lo Russo, Michele Milani, Davide Passoni, Francesca Pels, Michele Marco Rossi, Giacomo Sandron, Lello Voce.

Nel 2020 per i tipi di Accademia University Press (Torino) sono usciti gli atti del convegno, a cura di Lorenzo Cardilli e Stefano Lombardi Vallauri. Dalla quarta di copertina del volume:

«Trasversalmente, arte orale è ogni genere artistico che faccia uso della voce: antico o moderno; occidentale o extraoccidentale; popolare o autoriale; non scritto (nell’accezione consolidata della “tradizione orale”) oppure anche scritto; non mediato oppure mediato dalla tecnologia audiovisiva; in tempo reale o differito; in loco o a distanza; linguistico o anche non linguistico; genere puro (poesia, vocalizzo extraverbale) o misto (teatro, melologo, canzone). E in generale è forma significante ma insieme anche materiale presenza, sonora e corporea. […] La prospettiva è necessariamente interdisciplinare: l’oralità è trattata come l’elemento comune che caratterizza arti diverse quali la poesia, la musica e il teatro, nonché le loro storiche commistioni (ad esempio il canto epico, la poesia lirica), fino a fenomeni contemporanei come il rap, il poetry slam, la vocal performance art. Sono convocati a dialogare studiosi di differente estrazione: estetica, teoria letteraria, poesia contemporanea, metrica, linguistica, (etno)musicologia, storia del teatro, performance studies […].