facebook

Humanities e sistemi complessi: verso un nuovo paradigma trans-disciplinare

Responsabile: Pier Luigi Sacco

Anno 2017

Parlare genericamente di humanities non permette di rendere giustizia della complessità e anche dell’eterogeneità dei saperi che vengono identificati con tale macro-riferimento disciplinare.

Sotto questa medesima etichetta si incontrano infatti ambiti disciplinari specifici molto diversi tra di loro, a volte separati da profonde cesure metodologiche e concettuali, come accade ad esempio tra i campi che aderiscono a forme di pensiero post-moderne e quelli che si richiamano invece al pensiero analitico. Allo stesso tempo, soprattutto nelle discipline che non si fondano su un atteggiamento anti-scientista e che non riducono ogni fenomeno della realtà sociale ad una costruzione fondata su strutture di dominanza patriarcale, esistono crescenti opportunità di dialogo con altri campi del sapere appartenenti agli ambiti più diversi, incluse le cosiddette ‘scienze dure’, come accade ad esempio nelle digital humanities nelle loro forme più associate ad approcci computazionali. Esistono quindi spazi per mostrare come le humanities possano dare un contributo importante all’esplorazione di nuovi paradigmi trans-disciplinari nei quali il dialogo tra i vari campi del sapere diviene una componente essenziale per dare risposte concrete alle nuove sfide sociali le cui risposte richiedono una grande varietà di competenze, conoscenze e metodi di analisi e ricerca.

Lo scopo di questa ricerca è stato quello di esplorare alcuni possibili percorsi di fertilizzazione trans-disciplinare tra scienze sociali e humanities, con particolare riferimento alla dimensione narrativa delle pratiche di pianificazione culturale nello spazio urbano e alla possibilità di utilizzare i saperi umanistici come risorsa per analizzare la sostenibilità sociale delle pratiche culturali partecipative. La riflessione metodologica condotta nel progetto ha prodotto alcuni risultati preliminari di ricerca, che sono confluiti in un lavoro attualmente in corso di stesura: P.L. Sacco, A. Crociata e S. Pedrini, “The cultural dimension of urban planning narratives and their discontents”.