facebook

I fattori di work engagement: il caso dei job hoppers

Responsabile: Luca Quaratino

Anno 2019

Il progetto si prefigge di indagare i fattori di engagement per una particolare categoria di collaboratori: i collaboratori temporanei e somministrati, per riferirsi ai quali si ricorre anche al termine di job hoppers.

Il patto psicologico che sancisce il senso di appartenenza e la fedeltà all’organizzazione da parte dei collaboratori temporanei è infatti indebolito da un orizzonte di incertezza sulla continuità della relazione. I collaboratori interinali, invece, stipulano un contatto di lavoro con un’agenzia del lavoro che a sua volta li “somministra” a un’azienda: essi dunque contraggono un patto psicologico con due diverse organizzazioni, e anche l’identificazione organizzativa è duplice. 

Il progetto di ricerca intende dunque individuare i fattori specifici che influenzano il work engagement nel caso dei job hoppers, fattori che potrebbero differire da quelli più rilevanti per i collaboratori dipendenti con contatto a tempo indeterminato.

Obiettivo del progetto di ricerca sarà anche quello di esplorare la fattibilità dello sviluppo di un protocollo di indagine per studiare il tema attraverso tecniche e strumenti di neuromanagement in collaborazione con il Centro di ricerca di Neuromarketing della IULM.

Principali attività previste:

  • Ricognizione di dati secondari e letteratura scientifica disponibile sul tema dell’engagement dei lavoratori interinali e temporanei per l’individuazione dei fattori rilevanti per l’engagement dei job hoppers
  • Costruzione del metodo di raccolta dei dati primari per testare tali fattori
  • Sviluppo dei modelli e degli strumenti di ricerca
  • Raccolta di dati attraverso:
    • una survey su un campione di collaboratori (fornito da società specializzata nella costruzione di campioni)
    • modalità qualitative che verranno valutate più opportune: focus group, interviste, esperimenti di neuromanagement
  • Analisi dei dati e delle informazioni raccolte
  • Esplorazione del ricorso a tecniche di neuromanagement per indagare i fattori di work engagement
  • Redazione del report di ricerca
  • Elaborazione di articoli di carattere accademico
  • Disseminazione dei risultati anche attraverso pubblicazioni di carattere divulgativo