Fteita, Leila


Si diploma all’Accademia Albertina di Belle Arti di Torino; immediatamente dopo il diploma inizia l’attività di scenografa come assistente di Mauro Pagano con il quale lavora al Festival di Salisburgo, a Colonia, Heidelberg, Schwetzingen, Amburgo, Francoforte, Pesaro. Lavora successivamente con Ezio Frigerio, Dante Ferretti, Gae Aulenti, Peter Stein, Margherita Palli, Tullio Pericoli, Carlo Diappi e Hugo De Ana per produzioni operistiche e spettacoli di prosa e balletto realizzati in teatri e istituzioni quali il Teatro alla Scala di Milano, il Teatro Comunale di Firenze, l’Arena di Verona, il Théâtre du Châtelet di Parigi, l’Opéra di Nizza, l’Opernhaus di Zurigo, il Colòn di Buenos Aires, l’Opéra Bastille di Parigi, il Covent Garden di Londra, il Festival di Salisburgo, il Piccolo Teatro di Milano, il Carlo Felice di Genova, l’Opera di Roma, il Teatro Comunale di Bologna, il Teatro Bellini di Catania, il Teatro Nazionale di Varsavia, il Rossini Opera Festival di Pesaro, il Teatro Real di Madrid, il Gran Liceu di Barcellona, il Teatro de la Maestranza di Siviglia, il Palau de les Arts di Valencia, il Festival di Edimburgo, The Washington Opera e il Teatro Mikhailovskij di San Pietroburgo.
Come scenografa collabora agli spettacoli firmati da Liliana Cavani (La Traviata, Cardillac, Jenufa, La vestale, La cena delle beffe, Cavalleria Rusticana, I Pagliacci, Manon Lescaut, Orfeo, Un ballo in maschera), Luca Ronconi (Aida, Fetonte, Lodoiska, La fille du régiment, Otfeo, La Cenerentola, Ariadne auf Naxos, Il Viaggio a Reims, Ermanno Olmi (La sonnambula), Michael Hampe (Il ritorno di Ulisse in Patria, Don Giovanni, La Cenerentola, Così fan tutte), Pier’Alli (Lucia di Lammermoor, Beatrice di Tenda), Jérome Savary Attila, Fra Diavolo), Franco Zeffirelli (Don Carlo), Bob Wilson (Doktor Faust), Luis Pasqual (Gianni Schicchi, Le Comte Ory), Gilbert Deflo (Rigoletto), Werner Herzog (Fidelio), Nicholas Joël (Manon), Hugo De Ana (Il trovatore) e Graham Vick (Otello), Peter Stein (Il Dittico).
Collabora con Giorgio Strehler, in qualità di assistente scenografa di Ezio Frigerio, sia per le produzioni d’opera che di prosa Arlecchino, servitore di due padroni, I giganti della montagna, L’isola degli schiavi, Falstaff, Le nozze di Figaro, Don Giovanni, Così fan tutte), continuando la collaborazione con il Teatro alla Scala e il Piccolo Teatro di Milano anche dopo la morte di Strehler, in qualità di scenografa.
Nel 1991 firma scene e costumi per Mrs. Klein di Nicholas Wright allestito da Asti Teatro e l’anno successivo esordisce alla Scala come scenografa con il balletto La bottega Fantastica. Nel 1996 è impegnata al Teatro Comunale di Firenze con Il piccolo spazzacamino di Britten, con la regia di Marina Bianchi; vi torna la stagione successiva con il dittico composto da Das Berliner Requiem e Brundibar di Krása, riproposto anche al Teatro Franco Parenti di Milano. Nel 1997 firma scene e costumi per le nuove produzioni di Cavalleria rusticana di Mascagni e di Blue Monday di Gershwin per il Teatro Goldoni di Livorno, con la regia di Marina Bianchi. Seguono le scenografie per Le stanze di Wolfang Amadé, una produzione del Maggio Musicale di Firenze, ancora con la regia di Marina Bianchi. Nel 1998 firma le scene per il balletto Il Grande Gatsby per il Teatro alla Scala.
Nella stagione 2002 è impegnata con il nuovo allestimento del Teatro Nazionale di Osijek (Croazia) di La sonnambula, con la regia di Caterina Panti Liberovici con la quale realizza inoltre l’allestimento di Rigoletto ad Atri. Parallelamente firma le scene di Mine Ha-Ha, spettacolo di prosa e danza, progetto della Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi al Piccolo Teatro di Milano, con la regia di Marina Bianchi.
Nel marzo 2003 presso la Triennale di Milano per la mostra Le Città in/visibili firma la scenografia del progetto firmato da Ugo Volli.
Nel novembre del 2003 collabora con Ugo Volli all’inaugurazione del Museo della Pubblicità all’interno del Castello di Rivoli, con la Mostra Nel paese della pubblicità.
Collabora con l’Università Statale di Milano (cattedra di Storia del Teatro e dello Spettacolo) tenendo seminari sulla storia della scenografia.
Firma nel 2009 le scene e i costumi di Elisir d‘amore nella stagione estiva del 2009 del Teatro Regio di Torino con la regia di Marina Bianchi.
Al Teatro alla Scala, per la stagione 2009/2010, da un felice incontro con Antonio Albanese firma le scene di Le convenienze ed inconvenienze teatrali di Donizetti.
Per il Piccolo Teatro di Milano progetta nell’ambito della stagione per ragazzi 2009/10 lo spettacolo La vera storia di Pinocchio ideato da Flavio Albanese.
Per il Teatro di Trento ha firmato le scene di Tosca e per l’Aslico Don Giovanni con la regia di Stefano De Luca.
Nel maggio 2012 ha collaborato con Hugo De Ana per la realizzazione di Un ballo in maschera per l’Opera di Pechino.
Con il Teatro alla Scala sta preparando il Ring con la regia di Guy Cassiers nella stagione 2012/2013. Nella stessa stagione per il Teatro Ristori di Verona firma scene e costumi di Dido and Aeneas di Purcell.
Insieme a Dante Ferretti, con cui collabora dal 1989, inizia un costante sodalizio professionale con Ferzan Ozpetec con cui progettano Aida per il Maggio Musicale a Firenze e La Traviata per il San Carlo di Napoli.
Sempre con Antonio Albanese firmerà le scene di Don Pasquale che inaugurerà la prossima stagione del Teatro Filarmonico di Verona nell’ambito delle celebrazioni dell’aimo verdiano dell’Arena di Verona.
Diventata Artista (scenografa e costumista) di punta del Maly theatre a Mosca dopo Gli Innamorati di Goldoni, spettacolo di punta della scorsa stagione e venuti in tounee a Milano al Teatro Strehler, sta lavorando su un progetto ambizioso Filumena Marturano di Eduardo De Filippo.

 

PRINCIPALI AREE DI INTERESSE SCIENTIFICO

Cinema, pubblicità, televisione, teatro, musei

 

Pur applicando tutte le necessarie diligenze volte a garantire la pubblicazione di informazioni corrette, aggiornate e complete, l’Università IULM non è responsabile dei contenuti riportati nei curricula pubblicati online sul Portale www.iulm.it.
Il titolare del presente curriculum vitae è garante e responsabile in via esclusiva della correttezza e veridicità delle informazioni in esso riportate.

INSEGNAMENTI A.A. 2019/2020

Corso di Laurea Magistrale in Televisione, cinema e new media

- Laboratorio di scenografia e Location Management

INSEGNAMENTI A.A. 2018/2019

Corso di Laurea Magistrale in Televisione, cinema e new media

- Laboratorio di scenografia e Location Management

INSEGNAMENTI A.A. 2017/2018

Corso di Laurea Magistrale in Televisione, cinema e new media

- Laboratorio di scenografia e location management

INSEGNAMENTI A.A. 2016/2017

Corso di Laurea Magistrale in Televisione, cinema e new media

- Laboratorio di scenografia e location management


INSEGNAMENTI A.A. 2015/2016

Corso di Laurea Magistrale in Televisione, cinema e new media

- Laboratorio di scenografia e location management
 

INSEGNAMENTI A.A. 2014/2015

Corso di Laurea Magistrale in Televisione, cinema e new media

- Laboratorio di scenografia e location management
 

INSEGNAMENTI A.A. 2013/2014

Corso di Laurea Magistrale in Televisione, cinema e new media

- Laboratorio di scenografia e location management

 

 

Pur applicando tutte le necessarie diligenze volte a garantire la pubblicazione di informazioni corrette, aggiornate e complete, l’Università IULM non è responsabile dei contenuti riportati nei curricula pubblicati online sul Portale www.iulm.it.
Il titolare del presente curriculum vitae è garante e responsabile in via esclusiva della correttezza e veridicità delle informazioni in esso riportate.

Right ArrowContatti

Tel.
Fax.
[email protected]

Right ArrowOrari di ricevimento

18 e 25 settembre in coda agli esami


Right Arrow Rete IULM

Masterx



ALIULM Associazione Laureati IULM