Presentazione

La creazione di una cattedra UNESCO relativa ai “Cultural and Comparative Studies on Imaginary” si pone come fine ultimo quello di indagare la rete interattiva di rappresentazioni mentali attraverso le quali gruppi e nazioni costituiscono le loro identità ma anche i loro pregiudizi, impedendo dunque un vero dialogo interculturale.

Le guerre, il terrorismo, la difficoltà di gestire l’immigrazione, la presenza conflittuale di minorità etniche e religiose sono esempi che rendono testimonianza di un’endemica incomprensione dei complessi rappresentativi e delle immagini simboliche che governano le mentalità dei popoli e che sono di ostacolo a un dialogo aperto e multietnico.

Lo studio delle tensioni, non solo materiali ma anche e soprattutto immaginarie e simboliche, che determinano l’integrazione o la non integrazione di gruppi etnici o religiosi, la ricomposizione delle immagini che i differenti gruppi e nazioni si formano attraverso informazioni stereotipate, rappresentazioni condivise dalla collettività, “fantasmi” e via dicendo, costituiscono delle sfide necessarie e urgenti che reclamano risposta e impegno per abbattere le frontiere dell’incomprensione, dei nazionalismi e dei fondamentalismi.

Per questo motivo è necessario uno studio sistematico dell’immaginario, mirato alla comprensione della natura e dei meccanismi di generazione, funzionamento e trasmissione delle diverse immagini. In questo modo si permetterà una diffusione non falsata del patrimonio culturale dei diversi Paesi, in particolare di quelli in via di sviluppo.

Obiettivi
  • Realizzare un insieme coerente di attività formative, di ricerca, informazione e documentazione nell’ambito dell’immaginario (studi trasversali e pluridisciplinari)
  • Facilitare la collaborazione a livello internazionale di ricercatori e professori con le unità di insegnamento e ricerca delle Università partners, intensificando la mobilità
  • Promuovere un sistema integrato di attività di ricerca per:
    • favorire il confronto interdisciplinare dei saperi e delle metodologie tramite il potenziamento delle ricerche sull’immaginario, contribuendo così alla loro mondializzazione
    • garantire la diffusione dei risultati attraverso la creazione di una Rivista internazionale trilingue italiano-francese-inglese
    • incoraggiare l’integrazione di giovani ricercatori.

La riflessione sull’immaginario potrà contribuire a un’analisi rigorosa delle origini e delle identità culturali di alcuni paesi:

  • incoraggiando processi di identificazione
  • sostenendo l’analisi del patrimonio culturale dei diversi Paesi
  • realizzando lo studio dei processi simbolici legati alle identità dei diversi Paesi
  • esaminando la presenza di «grandi complessi» nelle differenti culture
  • comprendendo i meccanismi che regolano la formazione, la diffusione, il funzionamento e, in generale, la vita delle immagini.
  • promuovendo l’interculturalità tramite la demistificazione di “immagini ostacolo” (pregiudizi, stereotipi, luoghi comuni) e la valorizzazione di un immaginario dell’integrazione
  • analizzando il sistema conflittuale di certe immagini
Risultati previsti
  • Potenziamento del dialogo interculturale attraverso lo studio comparato di identità e differenza in prospettiva simbolico-immaginativa.
  • Demistificazione di stereotipi, fantasmi, immagini collettive che impediscono una reale conoscenza reciproca.
  • Diffusione e mondializzazione dei metodi e degli strumenti elaborati grazie alle ricerche sull’immaginario per l’analisi dei differenti contesti socio-culturali (specificità locali e componenti globali).
  • Promozione della ricerca attraverso l’organizzazione di manifestazioni che implichino la collaborazione delle Università partners.
  • Supporto scientifico e bibliografico nonché logistico per tutti i ricercatori e studenti che si occupano di tematiche relative all’immaginari.
  • Aiuti alla mobilità di professori, giovani ricercatori, dottorandi e laureandi.
  • Valorizzazione dei risultati attraverso la diffusione degli stessi per mezzo di pubblicazioni indirizzate, in modo particolare, ai paesi in via di sviluppo.

Right Arrow Lingue


Right Arrow Contatti

Cattedra Unesco
"Cultural and Comparative Studies of Imaginary"

Università IULM
Via Carlo Bo, 1 - 20143 - Milano
Tel./Fax: 02 891412592
E.mail: [email protected]